Aggiornato il 21/02/2022 by CedDgtno

L’intestatario della Carta di Circolazione deve, entro 48 ore dallo smarrimento o furto o distruzione, fare denuncia presso gli organi di Polizia, i quali rilasciano contestualmente un permesso provvisorio di circolazione. La denuncia fatta all’estero deve essere ripresentata in Italia.

Dal momento del rilascio del suddetto permesso provvisorio, la carta di circolazione identificata nella denuncia non è più valida ed in caso di ritrovamento o restituzione è fatto obbligo al denunciante di distruggerla.

Una volta resa la denuncia, l’autorità di Polizia comunicherà all’interessato se riceverà il duplicato direttamene a casa, a cura dell’Ufficio Centrale Operativo (U.C.O.) del Ministero dei Trasporti e della Navigazione, oppure se dovrà recarsi presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione per presentare domanda.

SE LA DUPLICAZIONE È TECNICAMENTE POSSIBILE l’Ufficio Centrale Operativo provvede a predisporre il duplicato della Carta di Circolazione e ad inviarlo direttamente a casa dell’utente; il pagamento in contrassegno è di 9 euro più le spese postali.

Se entro quarantacinque giorni dalla data del permesso provvisorio, il duplicato non dovesse giungere alla residenza del denunciante, quest’ultimo deve telefonare al numero verde 800.232323.

Dal 1 aprile 2022 nuove MODALITA’ di comunicazione dell’impossibilità di procedere all’emissione del duplicato
della patente di guida o della carta di circolazione (documento unico) da parte dell’Ufficio Centrale
Operativo (UCO) in caso di smarrimento, furto o distruzione dell’originale.

SE LA DUPLICAZIONE NON È TECNICAMENTE POSSIBILE l’utente deve presentarsi all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione per chiedere il duplicato della Carta di Circolazione. Documentazione da presentare